Salta al contenuto

Invisibile a Pietrasanta

COMUNICATO STAMPA |  INVISIBILE

con il Comune di Pietrasanta, L’Assessorato alla Cultura e l’Assessorato alle Pari Opportunità

Luogo: Chiesa di Sant’Agostino, via Sant’Agostino, 1 – Pietrasanta

Inaugurazione: 7 marzo 2020 ore 16:00

CAUSA LOCKDOWN la mostra è stata chiusa l’8 marzo e riaperta il 22 maggio fino al 21 giugno

dal 22 al 31 maggio 2020 venerdì-sabato-domenica 18:00-20:00
dal 1 al 22 giugno 2020 da lunedì a domenica 17:00-23:00

Ingresso libero | a cura di: Colomba d’Apolito per Associazione Donne Fotografe

L’Associazione Donne Fotografe – Italian Women Photographers’ Association (www.don- nefotografe.org) propone il progetto fotografico dal titolo INVISIBILE, a cura di Maura Poz- zati, già esposto con successo a Modena durante il FestivalFilosofia e a Bologna nella cornice dell’Archiginnasio. ‘Ogni fotografia è un certificato di presenza’ di Roland Barthes ad esergo nel catalogo e lo sguardo delle 31 donne fotografe certificano ‘visibilità all’invisi- bile’.

Le 31 artiste hanno affrontato in una maniera particolare il tema dell’invisibilità della per- sona, che in molti casi corrisponde alla non-persona, ovvero l’essere al quale non è rico- nosciuto lo statuto di essere responsabile, titolare di determinati diritti e doveri. La non-per- sona è l’uomo (o la donna) a cui si toglie la personalità, ogni individuo spogliato dei suoi diritti umani e civili: homeless, migranti, extracomunitari, anziani malati di Alzheimer, donne maltrattate o sole, adolescenti insicure, combattenti e martiri della resistenza, madri di figli scomparsi, disabili ed estromessi dal mondo del lavoro. Le fotografie sono soprat- tutto il risultato di una predisposizione al racconto – trattato in modo esplicito o sotto forma di metafora – che permette di entrare in una storia, incorporando sia la memoria sociale che politica’ (-) continuando dal testo in catalogo di Maura Pozzati: (..) ‘E’ in questi scatti che viene data forma al lato invisibile e nascosto. Il lavoro non riconosciuto e non pagato, il dolore dell’invecchiare e della malattia, la resistenza alla fatica, la vergogna della diver- sità. (-) È in questi scatti che la non persona, (-) diventa persona: basta leggere quello che le fotografe hanno scritto accanto a ogni loro scatto per capire quanto le donne siano abi- tuate a fare i conti con l’invisibilità (..). Scrive Patrizia Pulga, presidente di DF: ‘E’ un lavoro che finalmente noi donne abbiamo deciso di fare perché da generazioni abbiamo speri- mentato in prima persona che ciò che é invisibile non per questo é inesistente’. L’anima e la ricchezza di questo progetto sono anche le persone – le donne fotografe – che, insieme, sviluppando una nuova energia creativa, propongono la loro personale visione sulla so- cietà e su delicati e importanti temi sociali.

Espongono:
ALESSANDRA ATTIANESE, Milano
ANNA ROSATI, Bologna
ANTONELLA DI GIROLAMO, Roma
ANTONELLA MONZONI, Modena
ANTONIETTA CORVETTI, Milano
BEATRICE MANCINI, Padova
BRUNA ORLANDI, Milano
COLOMBA d’APOLITO, Pietrasanta (LU)
DANIELA FACCHINATO, Bologna
FULVIA PEDRONI FARASSINO, Milano
GIULIANA MARINIELLO, Roma
ISABELLA BALENA, Milano
ISABELLA COLONNELLO, Milano
ISABELLA DE MADDALENA, Milano
LILIANA BARCHIESI, Milano
LOREDANA CELANO, Milano
LUCIA BALDINI, Arezzo
MARGHERITA DAMETTI, Pavia
MARGHERITA VERDI, Firenze,
MARGHERITA MIRABELLA, New York/Roma
MARIANNA CAPPELLI, Novara
MARZIA MALLI, Milano
MELANIA MESSINA, Palermo
PAOLA MATTIOLI, Milano
PATRIZIA BONANZINGA, Roma
PATRIZIA PULGA, Bologna
PATRIZIA RIVIERA, Bergamo
SILVIA LELLI, Milano
SONIA LENZI,  Bologna
TIZIANA ARICI, Brescia
VITTORIA AMATI, Londra/Roma

Avanzamento del progetto

L’associazione DONNE FOTOGRAFE intende rendere il progetto “INVISIBILE” un atto di arte partecipativa itinerante; il percorso, iniziato a Modena poi Bologna e ora Pietrasanta, vorrebbe continuare in altre città che vorranno ospitarlo.

ASSOCIAZIONE DONNE FOTOGRAFE Italian Women Photographers’ Association L’associazione Donne Fotografe – Italian Women Photographers’ Association è stata costi- tuita a Bologna nel dicembre 2017 da un nutrito gruppo di fotografe italiane, attive da anni in ambiti professionali, artistici e culturali. Si prefigge di promuovere la fotografia femminile italiana in Italia e all’estero, affinché venga rivolta la giusta attenzione ad uno sguardo femminile sul mondo. Le socie attuali sono 50, i loro profili sono visibili sul sito.

Progetti realizzati

In occasione del Festival “L’eredità delle donne”, a cura di Serena Dandini, Firenze, 21 settembre 2018 l’associazione ha presentato presso la Fondazione Studio Marangoni di Firenze ”Bodystorming”, un’opera di video-arte corale e multiforme di cui il corpo femminile è il focus.

Contatti:
Associazione Donne Fotografe
Italian Women Photographers’ association E-mail: info@donnefotografe.org

LINK PER SCARICARE LE IMMAGINI FOTOGRAFICHE:

https://drive.google.com/open?id=1DlWhpjDo_k3syRPthDmc7n6h7c2slBtp

Informazioni:

Centro Culturale “Luigi Russo”, Via S. Agostino, 1 – Pietrasanta tel. 0584/795500 – www.museodeibozzetti.it

Sponsor